Il presidente Pariano sulla chiusura degli uffici postali in territorio fabrianese

1' di lettura 06/12/2012 - Appresa la notizia della decisione da parte di Poste Italiane di chiudere definitivamente gli uffici postali di San Donato e Sant’Elia e di ridurre i giorni di apertura dell’ ufficio di Cancelli, non posso che esprimere la mia preoccupazione per le ricadute negative che tale decisione produrrà sull’utenza.

Non credo che ragioni economiche, ovvero aziendali possano e debbano compromettere l’ offerta di servizi a delle comunità locali abitate da una utenza che necessita assolutamente di un servizio fondamentale come quello di un ufficio postale. Quanto previsto da Poste Italiane apporterebbe gravi limitazioni alle esigenze delle fasce deboli della popolazione, costituita in gran parte da pensionati (ultrasessantacinquenni) e contribuirebbe a peggiorare una situazione di fortissimo disagio.

Basti pensare alle conseguenze in caso di recapito della corrispondenza oltre il termine di scadenza, nonchè alle bollette o pagamenti vari che, in caso di chiusura degli uffici ed in concomitanza delle scadenze, potrebbero far sorgere lunghi contenziosi. Ricordo che durante la seduta consiliare del 15 novembre l’intero Consiglio Comunale della Città di Fabriano ha votato all’ unanimità dei presenti un Ordine del Giorno in cui si chiedeva ai vertici provinciali, regionali e nazionali di Poste Italiane di scongiurare la chiusura.


da Giuseppe Luciano Pariano
Presidente del Consiglio Comunale di Fabriano





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-12-2012 alle 22:18 sul giornale del 07 dicembre 2012 - 895 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/GYP