Commemorato a Roma l’Onorevole cerretese Bartolo Ciccardini

2' di lettura 03/10/2014 - Mercoledì 1° ottobre, presso l’Istituto Sturzo di Roma, ha preso inizio, alle ore 17, la commemorazione dell’onorevole Bartolo Ciccardini, scomparso l’11 giugno scorso.

In una sala affollatissima, numerose sono state le personalità intervenute a rendere omaggio al Nostro Illustre Concittadino di Cerreto d’Esi. Non pochi interventi sono stati conclusi dalla voce decisamente commossa, quasi tendente al pianto, e in alcuni momenti erano visibili tanti occhi lucidi. Hanno desiderato far sentire il proprio contributo anche persone “lontane” dalla collocazione politica di Bartolo, come Marco Pannella e Luciana Castellina: non potendo essere fisicamente presente, una lettera di quest’ultima ci ha ripresentato quell’antica cordialità che si era stabilita nei lontani Anni Cinquanta fra i giovani della loro generazione che, per quanto appartenenti a fazioni diverse, si stimavano.

La curiosità di Ciccardini, le sue innumerevoli iniziative, hanno collocato la sua immagine in quella di un vulcano in continua eruzione. L’impressione che ho avuto è stata quella di un’esistenza che ha coinvolto tutte le persone che hanno avuto a che fare con lui, anche le più distanti, in base a quell’accoglienza e a quella disponibilità al dialogo che, in Politica, sono sempre di più merce rara. Alla Commemorazione erano presenti, anche il suo cugino Alberto Biondi, proveniente da Cerreto d’Esi, ed il professore Aldo Crialesi, figura notissima per essere stato per almeno un trentennio il vicedirettore de “L’Azione”. In particolare, l’ultimo a parlare pubblicamente è stato proprio Crialesi, che ha sottolineato come Bartolo soffrisse non poco per la constatazione che, almeno nel momento odierno, la presenza dei cattolici nella società fosse ormai quasi inesistente: per uno come lui, che aveva fatto di quell’identità il suo cavallo di battaglia, era auspicable un maggiore coinvolgimento. Partecipando all’incontro, all’uscita tutti noi ci siamo resi conto di aver partecipato ad un momento che ha ripercorso e valorizzato un bel pezzo di storia del nostro Paese e della nostra stessa vita.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-10-2014 alle 15:28 sul giornale del 04 ottobre 2014 - 811 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/0xT


massimo cortese

04 ottobre, 17:43
Nel ringraziare Vivere Fabriano per la pubblicazione della mia testimonianza, riporto quanto mi ha autorizzato a segnalare Alberto Biondi. Egli ha partecipato alla Commemorazione, oltre per i legami di parentela e di fraterna amicizia che aveva con l'onorevole Ciccardini, anche per il suo ruolo di Presidente dell'ANPI di Cerreto d'Esi. Infatti, Bartolo ha sempre valorizzato la Memoria del Psssato e della Resistenza in particolare, come è dimostrato dalla sua partecipazione alle celebrazioni del 25 aprile scorso a Cerreto, nel nobile intento di trasmettere soprattutto alle nuove generazioni l'amore per la Storia Comune che ha portato alla nascita delle Repubblica e della Democrazia. Ci piace ricordarlo così, sempre legato alla sua carissima Cerreto.rnrnMassimo Cortese




logoEV