Mostra da record a Fabriano, raggiunto l'obiettivo dei 40mila visitatori

3' di lettura 01/11/2014 - La mostra arrivata a quota 40.000 visitatori con il 60% di arrivi da fuori le Marche ha raggiunto un mese prima l'obiettivo prefissato, che quindi supererà ampiamente. Un successo straordinario mai immaginato che fa gridare al "fenomeno" e riempie di soddisfazione non solo gli organizzatori ma la città tutta, gli esercenti, le Associazioni di categoria. Un progetto e un successo condiviso.

Dopo l’annuncio della proroga al 18 gennaio ecco quindi un'altra importante notizia che testimonia il grande successo della mostra.
“Esprimo grande soddisfazione per il raggiungimento del traguardo delle 40 mila presenze, che nelle previsioni avevamo ipotizzato come obiettivo finale, raggiunto, invece, prima della chiusura della mostra stabilita il 30 novembre - ha sottolineato Guido Papiri, presidente della Fondazione Carifac - Il grande successo ottenuto dall’evento, suggellato dalla critica e dalla stampa , ha fatto sì che gli organi amministrativi della Fondazione abbiano deciso la proroga al prossimo gennaio 2015. Ulteriore soddisfazione deriva dalla constatazione del positivo e benefico impatto economico esercitato dalla mostra sul territorio, colpito come sappiamo da una grave crisi industriale”.

Superato, dunque, ampiamente l’obiettivo della Fondazione Carifac per un evento culturale che continua ad attrarre un grandissimo numero di visitatori da tutta Italia e non solo. Dai tabulati delle presenze emergono infatti alcuni dati che confermano la popolarità a vasto raggio raggiunta dalla mostra: 16.436 visitatori sono marchigiani e rappresentano circa il 40% del totale. Le restanti regioni italiane sono state degnamente rappresentate con 21.553 presenze. Dei 2011 stranieri registrati , 411 provengono dall’oltremanica, 760 dalla Germania ed i restanti 840 da ogni parte d’Europa. L’eta’ media dei visitatori si attesta sui 48/ 50 anni.

Soddisfazione espressa per il successo anche dal Presidente di Confcommercio Imprese per l’Italia, sezione di Fabriano, Mauro Bartolozzi :
“Non finiremo mai di ringraziare la Fondazione Carifac per aver offerto una preziosa opportunità economica e culturale alla città di Fabriano con la grande mostra Da Giotto a Gentile. Rispetto agli eventi del passato, Fabriano questa volta si sta dimostrando una città più matura dal punto di vista della ricettività e dell’accoglienza turistica. La formula Sgarbi ha favorito notevolmente la promozione e la valorizzazione non solo artistica ma anche enogastronomica del territorio. Molte volte, infatti, il critico d’arte ha fatto espliciti riferimenti a Fabriano in chiave positiva e questo non può che aver giovato al turismo che oggi non è più ‘mordi e fuggi’, ma è destinato ad esplorare, conoscere e approfondire le bellezze e le tipicità della zona. L’impatto economico della mostra sui pubblici esercizi è stato senza dubbio positivo e ha coinvolto a 360° tutta la città. I primi ad averne beneficiato sono stati i ristoranti, gli hotel ed i bed and breakfast. Ovviamente le pizzerie e i bar in pieno centro storico ne hanno tratto ancora più giovamento rispetto agli esercizi più periferici. Non siamo ancora pronti sul fronte del commercio al dettaglio, alla produzione e alla commercializzazione di oggetti di piccole dimensioni come ad esempio i souvenir anche se su questo ci stiamo attrezzando e l’effetto non sarà immediato ma i risultati saranno visibili nel tempo. L’augurio è che la Fondazione e tutti gli altri enti e soggetti coinvolti si adoperino per il ‘dopo mostra’ per continuare a offrire opportunità nel medio lungo periodo. Per il prossimo anno, infatti, non vediamo particolari sbocchi economici di ripresa e gli eventi culturali come la grande mostra sono fondamentali per le conseguenti ricadute economiche nel nostro territorio”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-11-2014 alle 18:33 sul giornale del 03 novembre 2014 - 646 letture

In questo articolo si parla di cultura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aaTf





logoEV
logoEV