Riordino delle province, i sindacati: 'Qualcuno intervenga al più presto'

1' di lettura 29/01/2015 - L’incertezza sul futuro dei dipendenti delle Province necessita di risposte chiare e veloci. Chiediamo alla Giunta regionale di completare l’esame della proposta di legge sul riordino delle funzioni e trasmetterla a breve al Consiglio in modo da garantire l’impegno assunto con i lavoratori di giungere all’adozione definitiva entro il mese di marzo.

Come Cgil, Cisl e Uil delle Marche abbiamo già rappresentato alla Giunta la necessità di individuare le risorse per garantire copertura finanziaria allo svolgimento delle funzioni trasferite alla Regione e a quelle rimanenti in capo alle Province. Il futuro occupazionale dei dipendenti delle Province deve essere garantito con maggiore chiarezza, prevedendo espressamente il trasferimento alla Regione del personale afferente alle funzioni riallocate al livello regionale.

Inoltre va avviato con assoluta urgenza un monitoraggio dei posti disponibili negli Enti locali delle Marche e nelle amministrazioni pubbliche di competenza regionale e da destinare alla ricollocazione del personale provinciale in mobilità.

Per quanto riguarda il riordino delle funzioni condividiamo la scelta di fondo di trasferire alla Regione buona parte delle funzioni non fondamentali delle Province, ma riteniamo che le competenze provinciali in materia di servizi sociali possano essere utilmente trasferite ai Comuni per esercitarle in forma associata attraverso gli Ambiti Sociali. Occorre poi fare maggiore chiarezza sul futuro di alcuni importanti comparti delle Province, come l’agricoltura. Chiediamo che venga presto riconvocato il Tavolo Autonomie Locali, istituito proprio per governare in modo partecipato questo delicato processo di riforma.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-01-2015 alle 10:17 sul giornale del 30 gennaio 2015 - 613 letture

In questo articolo si parla di attualità, cgil, cisl, marche, uil

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aeD5