Indesit, Feder Manager: 'Mancato accordo sindacale per la mobilità di 20 dirigenti'

indesit 2' di lettura 05/03/2015 - 'Ristrutturazione e rilancio del sito produttivo Indesit o semplice ridimensionamento?' In data 26/02/2015 sono scaduti i termini previsti dalla L.223/91 per il raggiungimento dell'accordo sulla messa in mobilità di 20 dirigenti, richiesti da Indesit Company, ed al quale FEDERMANAGER Ancona ha negato il proprio assenso, in quanto non ha ritenuto sufficienti i dati forniti dall’azienda.

Infatti, a fronte di precise richieste sulla presentazione di " un Piano di Riorganizzazione e/o stralcio del Piano Industriale della società coinvolta nel processo di integrazione nel gruppo Whirlpool, da dove si evincessero le motivazione organizzative della messa in mobilità delle specifiche figure indicate dall’azienda”, da parte aziendale si è sempre risposto ribadendo contenuti generici di motivazione senza entrare nel merito del processo riorganizzativo.”

Questa decisione è stata portata anche a conoscenza della Regione Marche, assessorato al Lavoro, e della Direzione Regionale del Lavoro delle Marche, organismi istituzionali coinvolti nel processo di riorganizzazione dell’azienda.
Questi Organismi Istituzionali potranno proporre una mediazione entro i prossimi 30 giorni.

Da parte FEDERMANAGER si ribadisce la volontà di contribuire al rilancio del sito produttivo, ma, nel contempo, si chiede chiarezza e trasparenza nell’affrontare il tema della "riorganizzazione" e del futuro di INDESIT, nel rispetto della normativa vigente ed all'interno del ruolo ad essa riconosciuta di "rappresentanza della Dirigenza".
FEDERMANAGER riafferma, comunque, ancora ferma disponibilità a proseguire nell'esame congiunto, se si creassero le condizioni, per una partecipazione concreta e collaborativa.

Una riorganizzazione INDESIT, se attuata allo scopo di dare continuità aziendale con la presenza di Whirlpool sul nostro territorio, non può che trovare d'accordo chi rappresenta professionalità che ne hanno contribuito alla crescita ed allo sviluppo. Si chiede di dare continuità a questo percorso, instaurando un dialogo costruttivo con il nuovo Management. La individuazione e condivisione di innovative relazioni industriali potrebbero agevolare quel processo di ripresa, tanto auspicato da tutte le forze sociali, e per la cui realizzazione la comunità nazionale e quella marchigiana, in particolare, hanno già tanto investito in termini sia finanziari che di risorse umane.

FEDERMANAGER Ancona, ribadisce quindi, la ferma disponibilità, al di là del fatto contingente ma assolutamente non irrilevante della vicenda INDESIT, ad essere interlocutore non secondario nei problemi relativi al riassetto organizzativo e di rilancio delle PMI del territorio, fornendo un contributo di esperienza e managerialità proprie della categoria rappresentata. Un invito, quindi, ai livelli istituzionali, coinvolti in questi processi di trasformazione della economia marchigiana, ad avvalersi di questa disponibilità anche al fine di realizzare ed ottimizzare quel necessario dialogo, tra le parti sociali, senza il quale trasformazioni epocali come quelle richieste da questa particolare congiuntura economica, ben difficilmente potrebbero essere portate a compimento.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-03-2015 alle 20:05 sul giornale del 06 marzo 2015 - 635 letture

In questo articolo si parla di attualità, fabriano, indesit

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/agjW





logoEV