Prosegue la protesta dei medici di base, dopo 'studi aperti' lo sciopero del 19 maggio

La protesta dei medici di base organizzata da FIMMG a Jesi 2' di lettura 10/05/2015 - Medici di famiglia: studi aperti a Jesi e Fabriano Iniziata la campagna di informazione della Fimmg sul territorio. In queste due città la prima fase con i camici bianchi che, in orari inconsueti, hanno spiegato alla popolazione i motivi della protesta che sfocerà nello sciopero del 19 maggio.

Se diciamo che i medici di famiglia stanno scendendo in piazza può solo sembrare un eufemismo, ma non lo è affatto. La giornate di protesta ed informazione che culmineranno nello sciopero del 19 maggio nelle Marche hanno avuto inizio già lo scorso week end, a Fabriano e Jesi con l'iniziativa "Studi aperti" dove i "dottori" hanno accolto la cittadinanza per spiegare le ragioni di scelte importanti come lo sciopero.

Oltre tuttavia a tenere gli ambulatori a disposizione per le informazioni del caso, i medici sono scesi tra le persone per motivare la decisioni di astenersi dal lavoro, salvo prestazioni dovute.

"Si pensi solo alla possibilità che potrebbe essere impedita ad un cittadino la libera scelta del proprio medico di famiglia", ha sostenuto Sergio Cascia Segretario Provinciale FIMMG Ancona, nel week end speso tra Fabriano e Jesi, in mezzo alle persone, per spiegare perché sarebbe un errore costringere la popolazione a rinunciare a scegliersi il medico: "Rischia di saltare quel rapporto di fiducia che è sempre esistito tra cittadini e medici con la conseguenza che l'intero sistema sanitario subirebbe gli effetti nefasti della decisone. La continuità assistenziale e la prossimità della cura, con le loro potenzialità e il loro peso specifico nel sistema, non possono essere messe in discussione".

Se capiterà, quindi, di vedere sui muri della città facce di uomini e donne, giovani e meno giovani, che dicono "Io non vado col primo che capita", non è questione di costumi più o meno facili, basterà semplicemente leggere il resto della frase "Il mio medico di famiglia lo scelgo io" per capire: la campagna di maggio della medicina generale ha preso il via e proseguirà, oltre che con lo sciopero, con una nuova serie di "Studi aperti" nelle giornate del 23 e 24 maggio in altre città della regione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-05-2015 alle 21:26 sul giornale del 12 maggio 2015 - 579 letture

In questo articolo si parla di attualità, Fimmg Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ajev





logoEV