Whirlpool, Ciccioli (FdI-An): 'Di fatto lo smantellamento del sito industriale'

indesit 1' di lettura 23/05/2015 - 'Occorre guardare al significato per la Whirlpool dell’acquisto della Indesit: comprare la più grande azienda concorrente, ridimensionarla al punto quasi di smantellare tutta l’area direzionale fino a trasformarla solo in una sede distaccata in Italia della grande azienda americana per un’area limitata di distribuzione'.

Era ovvio che chi produce già per conto proprio ed è un gigante industriale quando acquista un’altra azienda del settore lo fa solo per colonizzarla! Come potevano i Merloni, il Governatore Spacca, il Presidente del Consiglio Renzi, non averlo capito? Ora veniamo a sapere che oltre ai 1350 operai complessivi in esubero ci sono 480 amministrativi di troppo e 150 nell’area della ricerca e sviluppo. Il che significa che Fabriano avrà un’espulsione di oltre 500 dipendenti, cioè 280 operai, circa 200 amministrativi e 35 nella ricerca. Un altro colpo non più sostenibile alla occupazione della città di Fabriano. A questo punto occorre l’intervento dello Stato non solo come mediatore con l’azienda, ma come iniziativa economica per recuperare l’insostenibile impatto sociale tra i lavoratori e le famiglie. L’abbiamo già detto, occorre una Nuova Iri (Istituto di ricostruzione industriale) fondato nel ‘34 per risanare gli effetti devastanti della terribile crisi economica del ’29 attraverso un nuovo impulso alle imprese in difficoltà e in fallimento. Fabriano deve ribellarsi, giudicare i responsabili e garantire il proprio futuro.


da On. Carlo Ciccioli
Fratelli d'Italia





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-05-2015 alle 20:13 sul giornale del 25 maggio 2015 - 595 letture

In questo articolo si parla di attualità, carlo ciccioli, fabriano, indesit, fratelli d'italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ajRj





logoEV