Congresso Pd: avanti la mozione Zingaretti. Mangialardi: “Grande prova di democrazia”

nicola zingaretti 1' di lettura 21/01/2019 - Gli ottimi risultati che stiamo registrando in provincia di Ancona e in tutta la regione, unita alla crescente e qualificata partecipazione che sta contraddistinguendo la fase congressuale, dimostrano che il progetto politico legato al nome di Nicola Zingaretti sia quello più utile non solo a rilanciare il Partito Democratico, ma soprattutto un’Italia sfigurata e irriconoscibile dopo nemmeno un anno di governo giallo-verde, debole sul piano istituzionale, isolata in ambito internazionale, socialmente incattivita e in preda a una preoccupante stagnazione economica”.

Così Maurizio Mangialardi, coordinatore della mozione Zingaretti per la provincia di Ancona, sui risultati parziali del congresso del Partito Democratico che, dopo le votazioni in 42 circoli su 54 vedono proprio la proposta del presidente della Regione Lazio in testa con il 49,72% dei consensi, seguito dal 21,55% della mozione Martina e il 26,04% di quella Giachetti.

“Il mio ringraziamento – aggiunge Mangialardi - va in particolare ai circoli, ai rappresentanti di lista e ai presentatori, i quali, nonostante le difficoltà del momento, stanno contribuendo a dar vita a una grande prova di democrazia fatta di approfondimento, passione e confronto. Un unicun sulla scena politica nazionale, lontano dal plebiscitarismo, compreso quello digitale, che caratterizza oggi la maggior parte di partiti e movimenti e che alimenta un populismo dannoso per il presente e il futuro dell’Italia”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-01-2019 alle 14:15 sul giornale del 22 gennaio 2019 - 225 letture

In questo articolo si parla di politica