Terzoni sulla due giorni del sottosegretario Crimi, "Coesione e confronto per ripartire"

Patrizia Terzoni 2' di lettura 23/01/2019 - "Due giorni intensi contraddistinti da innumerevoli incontri con amministratori, professionisti, tecnici e associazioni sono serviti a rafforzare quel dialogo con il territorio che è l'unico modo per far partire la ricostruzione dopo due anni di stasi" così Patrizia Terzoni sulla visita del sottosegretario con delega al Sisma 2016 Vito Crimi accompagnato dal Commissario del Governo Farabollini nelle aree colpite da quei terribili eventi.

È stato un dialogo molto franco e allo stesso costruttivo, utile per far emergere le criticità che ostacolano la rinascita di questi territori.

Nelle giornate del 21 e del 22 il Sottosegretario è stato nelle province di Fermo, Ascoli Piceno e Macerata, riuscendo così ad incontrare quanti più sindaci, ordini professionali, comitati, confederazioni e associazioni di categoria e cittadini, ricevendo input importantissimi, informazioni, segnalazioni, proposte e anche sane critiche.

È emerso tutto ciò che non ha funzionato, dai disagi dei commercianti che faticano a risollevare gli affari in un territorio devastato e spopolato alle difficoltà tecniche che hanno i tecnici e i professionisti per svolgere il loro importantissimo lavoro necessario per la ricostruzione, dagli allevatori che sono diventati dei piccoli eroi degli Appennini ai cittadini arrabbiati perché le strade sono ancora chiuse oppure perché sono ancora negli alberghi a causa di scelte, evidentemente sbagliate, di alcuni amministratori locali.

Le associazioni di categoria ci hanno dato numerosi spunti per superare intoppi burocratici che ostacolano la ripresa delle attività economiche, rispondendo positivamente alla nostra richiesta di unità e coesione.

Davanti a queste problematiche esprimiamo dispiacere per la scelta di alcuni amministratori di non partecipare solo perché la sede di alcuni incontri non era quella preferita da loro.

"Credo che il campanilismo non aiuti questi territori a risollevarsi. Serve invece coesione, una costante partecipazione e il confronto in tutte le occasioni utili. Fortunatamente ci saranno altri momenti come questi perché partecipazione e ascolto dei territori sono punti irrinunciabili della nostra azione di Governo" continua la Terzoni.

"Inoltre l'esecutivo e il Parlamento, grazie all'iniziativa di Vito Crimi, si stanno mettendo al lavoro per iniziare il lungo iter di costruzione del testo unico per la ripresa economica e sociale delle aree colpite da emergenze e calamità naturali. Gli incontri di questi giorni con comunità direttamente colpite sono state utilissime per individuare le priorità anche per questo percorso legislativo".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-01-2019 alle 19:16 sul giornale del 24 gennaio 2019 - 194 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a3yU





logoEV