Genga: Zaffiri (Lega), "Serve a poco stare tra la gente se non si risolvono i problemi"

genga 1' di lettura 22/02/2019 - Il Capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Sandro Zaffiri, e il Commissario provinciale di Ancona, Milco Mariani, rimangono esterrefatti dalle affermazioni del Sindaco di Genga, Giuseppe Medardoni, in replica all'articolo “Genga, perla chiusa in un guscio”.

Serve a poco stare tra la gente se non si risolvono i problemi e non si disegna un futuro di sviluppo – affermano gli esponenti della Lega – a 10 anni dall’insediamento del Sindaco Medardoni i risultati sono sotto gli occhi di tutti, una viabilità disastrata, un raccordo di collegamento alla S.S. 76 che sembra un passo delle Alpi, ed infine un’economia locale in forte depressione, conseguenza del progressivo calo dei visitatori alle Grotte di Frasassi che ha causato una forte contrazione anche nelle attività commerciali dell’area.

Il Sindaco non può pensare di scampare ai giudizi sul suo operato con frasi di circostanza – continuano i leghisti.

Non vi è futuro e speranza per la comunità gengarina se alla guida avranno amministratori del genere. Solo un cambio dei vertici amministrativi potrà far rinascere questa comunità, serve una guida che dia apertura, slancio e una larga partecipazione di tutte le attività del territorio, perchè Genga con le sue Grotte, il suo Parco e non solo rappresentano una grande risorsa per la nostra regione e non può essere amministrata con una logica ristretta a pochi attori.

Sono i Sindaci che dovrebbero tutelare e sviluppare il loro territorio e tutta la loro comunità e, quindi, il nostro giudizio non può che essere estremamente negativo, caro Sindaco Medardoni.


da Sandro Zaffiri
Capogruppo della Lega Nord





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2019 alle 20:29 sul giornale del 23 febbraio 2019 - 448 letture

In questo articolo si parla di attualità, genga

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a4z9





logoEV