Silvia Romano sarebbe in Somalia nelle mani di un gruppo islamista

1' di lettura 18/11/2019 - Silvia Romano, la cooperante italiana rapita in Kenya un anno fa, sarebbe tenuta sotto sequestro in Somalia da un gruppo islamista legato ai jihadisti di Al-Shabaab.

Ne sono convinti i magistrati della procura di Roma e i carabinieri del Ros che indagano sul caso. Lo riferisce l'Ansa, a due giorni dal primo anniversario del sequestro. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori dopo la trasferta in Kenya dello scorso agosto e l'analisi dei documenti ottenuti, la giovane cooperante milanese, che ha compiuto 24 anni a settembre, si troverebbe in Somalia, nelle mani di una milizia locale legata al potente gruppo terroristico di matrice islamica al-Shabaab.

Silvia Romano, che al momento del sequestro lavorava per la onlus fanese 'Africa Milele', era stata rapita da un commando armato il 20 novembre scorso nel villaggio di Chakama, a circa 80 chilometri da Nairobi.






Questo è un articolo pubblicato il 18-11-2019 alle 18:18 sul giornale del 19 novembre 2019 - 514 letture

In questo articolo si parla di cronaca, sequestro, kenya, marco vitaloni, articolo, Silvia Romano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcXQ