Ancona: Dimentica la borsa con 900 euro nei bagni della stazione, la PolFer la restituisce alla proprietaria

2' di lettura 19/09/2020 - 582 operatori impiegati, 2318 persone identificate, 2 persone arrestate, 10 denunciate in stato di libertà, questa nei numeri l’attività posta in essere dal Compartimento della Polizia Ferroviaria per le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo di Ancona nel periodo 07 – 14 settembre nell’ambito dell’operazione denominata Rail Action Week. disposta in ambito nazionale dal Servizio Polizia Ferroviaria del Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

Oltre ai consueti servizi di Specialità, il Compartimento di Polizia Ferroviaria, diretto dal Dirigente Superiore D.ssa Maria Letizia La Selva, ha intensificato e coordinato un’attività preventiva/repressiva, mirata in particolare ad arginare impropri ed anomali comportamenti in ambito ferroviario, nonché a sensibilizzare i viaggiatori sul rispetto delle misure anti covid – 19.

In particolare:

Nella stazione di Perugia, il personale del Posto Polfer ha tratto in arresto un cittadino romeno destinatario di un ordine di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Spoleto, per aver commesso reati a sfondo sessuale.

Nella stazione di Terni gli agenti della Polizia Ferroviaria hanno arrestato un cittadino nigeriano che, dopo aver rifiutato di fornire le proprie generalità, ha aggredito i poliziotti e si è dato alla fuga. Rintracciato immediatamente dopo grazie all’ausilio di una pattuglia dei Carabinieri, è stato arrestato per i reati di resistenza, violenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.

Il personale della Polizia Ferroviaria di Ancona, dopo una breve attività d’indagine, ha denunciato all’Autorità Giudiziaria due giovani “writers” italiani per aver imbrattato una vettura ferroviaria in sosta nella stazione di Porto d’Ascoli.

Sempre ad Ancona la Polfer ha restituito alla legittima proprietaria, una cittadina cinese, una borsa dimenticata all’interno dei bagni di stazione nella quale vi era la somma di circa 900 euro in contanti.

Denunciate in stato di libertà, inoltre, altre tre persone dal personale della Polizia Ferroviaria in servizio nelle stazioni di Ancona, Foligno e Perugia per reati che vanno dal rifiuto di generalità, lesioni e violazioni della normativa che regola la permanenza dei cittadini extracomunitari sul territorio nazionale.






Questo è un articolo pubblicato il 19-09-2020 alle 11:40 sul giornale del 21 settembre 2020 - 952 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bwvz





logoEV