Fascino e magia della carta: riapre al pubblico per due weekend il Fabriano Paper Pavillon

2' di lettura 27/10/2020 - Il Fabriano Paper Pavilion nuovamente accessibile al pubblico per due weekend (7-8 e 14-15 novembre) e la presentazione, il 18 novembre, della prima edizione a stampa del prezioso Album realizzato da Augusto Zonghi “I segni delle antiche Cartiere Fabrianesi”, voluta da Fondazione Fedrigoni Fabriano a poco più di un secolo dalla morte del celebre filigranologo.

Sono due le iniziative rilevanti con cui Fondazione Fedrigoni Fabriano ha deciso di partecipare alla XIX Settimana della Cultura d’Impresa, il calendario nazionale di eventi promosso da Confindustria e Museimpresa che quest’anno ha per tema “Capitale Italia. La cultura imprenditoriale per la rinascita del Paese”.
“Capitale Carta. Fabriano, un territorio tra impresa e tradizione” è appunto il titolo dell’iniziativa che prevede la riapertura al pubblico, nei weekend 7-8 e 14-15 novembre dalle 14.00 alle 18.30, del Fabriano Paper Pavilion, realizzato da Fondazione Fedrigoni Fabriano all’interno del complesso storico delle Cartiere Miliani Fabriano, tra gli spazi dell’Archivio Storico e del Deposito dei Beni Cartari.

Con prenotazione obbligatoria (www.fondazionefedrigoni.it) e in gruppi di massimo 8 persone nel rispetto delle norme anti-Covid, sarà possibile scoprire un patrimonio straordinario fatto di 1.500 filigrane, 1.200 fotografie storiche, oltre 3.000 volumi e 10.000 pezzi tra strumenti e macchinari per la fabbricazione della carta fatta a mano, a testimonianza degli oltre 750 anni di cultura cartaria di Fabriano. I visitatori potranno godere anche delle dimostrazioni live di mastri cartai e incisori dedicate al grande artista marchigiano Raffaello Sanzio nei 500 anni dalla sua scomparsa, e di un omaggio a sorpresa.

Curato da Umberto Giovannini, il Fabriano Paper Pavilion è un percorso poetico nel cuore delle cartiere che prende corpo grazie alle costruzioni iconografiche delle artiste Gianna e Maria Pina Bentivenga, al progetto di allestimento e ombre di Anusc Castiglioni e alle luci di Massimo Zanelli, realizzato per UNESCO Creative Cities 2019. La Fondazione ha ottenuto il patrocinio gratuito di Museimpresa, Confindustria, Comune di Fabriano, Pia Università dei Cartai, Fondazione Carifac, Library of Congress, International Paper Historians.
Inoltre, mercoledì 18 novembre alle 17 la “Sala forme” del Pavilion ospiterà la presentazione del volume “I segni delle antiche Cartiere Fabrianesi”, curato da Livia Faggioni. A poco più di un secolo dalla morte di Augusto Zonghi, famoso filigranologo fabrianese, la Fondazione Fedrigoni Fabriano ha infatti deciso di dare alle stampe la prima edizione dell’Album manoscritto tra il 1882 e il 1884, ancora oggi punto di riferimento per storici, paleografi, filologi nella datazione di documenti sine data et loco, grazie ai 1.887 “segni” (filigrane) ordinati in senso iconico e cronologico e riprodotti “al naturale”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-10-2020 alle 09:20 sul giornale del 28 ottobre 2020 - 207 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bzPC





logoEV