Fermo: Nuovo Dpcm. Parola ai Sindaci. “Non siamo Milano o Roma. Non possiamo subire le stesse restrizioni”.

3' di lettura 27/10/2020 - Norme troppo rigide o necessarie? Il semi-lockdown è iniziato. Serrande dei locali abbassate alle 18.00. Palestre, teatri e cinema chiusi. Occorre diminuire il numero dei contagi. Antognozzi: “Siamo cittadini responsabili quindi le rispetteremo, ma serviva diversificare in base alle zone”. Pezzani: “Maggior dialogo tra Governo e Regione per non prendere decisioni a discapito delle piccole realtà”.

Il bollettino dei contagi parla chiaro, 17.000 le positività registrate nella giornata di ieri ed indice in salita. Si attendevano misure più drastiche da parte del Governo e puntualmente sono arrivate. In vigore dalla mattinata di ieri, il nuovo Decreto covid pone nuove limitazioni e rinnova norme che avevamo già conosciuto nei mesi scorsi; si tratta di un semi-lockdown che si prolungherà fino al prossimo 24 Novembre.

Le restrizioni più rilevanti riguardano la didattica online, che sarà attivata nelle Scuole superiori per il 75% degli studenti e le norme riguardanti locali, palestre, teatri e cinema. I bar, ristoranti e pizzerie dovranno chiudere alle ore 18.00 l’ingresso al pubblico e continuare il servizio d’asporto o a domicilio. Serrande del tutto abbassate invece per palestre, teatri e cinema, con i lavoratori del settore già in protesta.

Si tratta di norme rigide che, come era prevedibile, non hanno messo tutti d’accordo. VivereFermo, per comprendere meglio la situazione sul territorio provinciale, ha deciso di ascoltare l’opinione di alcuni Sindaci della zona.

Cosa pensa del nuovo Decreto? “Sia come Sindaco che come cittadino, rispetto queste norme e mi impegnerò ad applicarle ed a farle applicare. Tuttavia non sono d’accordo su alcuni punti” ha affermato Antognozzi, Sindaco di Grottazzolina.

Quale norma poteva essere meglio strutturata? E quale avrebbe modificato? “La chiusura di bar e ristoranti e altre attività simili alle ore 18, è chiaramente una norma applicata per evitare assembramenti durante gli orari più sensibili, ovvero aperitivi o nelle serate di movida. Ma ritengo che questo sia un problema soprattutto presente nelle grandi Città. In realtà come Grottazzolina, questo tipo di problema ha una minore portata”.

Quindi norme differenti tra grandi Città e piccoli Comuni? “Si, proprio così. Credo sia controproducente e svantaggioso applicare la stessa norma di centri come Milano o Roma anche nelle piccole realtà come la nostra dove questi problemi non sussistono e dove le attività combattono ogni giorno per sopravvivere affidandosi ai clienti”.

Cambiando versante e spostandoci sulla Valdaso, abbiamo chiesto il parere del Sindaco Pezzani di Petritoli: “Sono un cittadino ed allo stesso tempo rappresento un’Amministrazione, quindi rispetterò quello che è stato scritto, però non nego di avere dei forti dubbi. Sono sincero, trovo sbagliato chiudere ristoranti e pizzerie alle 18.00. E’ qualcosa che va a colpire un settore già danneggiato e che ha fatto fatica a risollevarsi”.

Se potesse, cosa cambierebbe nel nuovo Dpcm? “Io avrei lasciato almeno per bar e pizzerie la chiusura a mezzanotte nel rispetto di tutte le norme anticovid. Poi, è ovvio, per palestre e piscine si è andati oltre. Non si può chiedere ai gestori, una settimana fa, di mettersi in regola con i vari protocolli e so che tutti lo hanno fatto e poi oggi chiudere tutto di nuovo”.

Quindi un Decreto necessario o troppo rigido e che non guarda in faccia a nessuno? “I provvedimenti li rispettiamo è ovvio, perché i numeri dei contagi sono alti, però ritengo che questo dpcm vada ben oltre, perché colpisce indistintamente tutti. A mio avviso sarebbe dovuto essere più diversificato a seconda delle zone di interesse – conclude Pezzani - È difficile equiparare una città come Milano ad un Comune come Petritoli ed in questa direzione si sarebbe dovuto ascoltare maggiormente le Regioni, che, rispetto al Governo, conoscono meglio la situazione del luogo”.






Questo è un articolo pubblicato il 27-10-2020 alle 11:08 sul giornale del 28 ottobre 2020 - 207 letture

In questo articolo si parla di cronaca, regione marche, sicurezza, provincia di fermo, Comune di Grottazzolina, decreto, contagi, articolo, comune di petritoli, premier conte, alto fermano, coronavirus, covid 19, mascherine, protocolli, norme anti-Covid, dpcm 25 ottobre

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bzWM





logoEV