La postazione ideale

2' di lettura 02/03/2021 - Il mondo del gaming è in continua espansione, soprattutto grazie al miglioramento costante delle nuove tecnologie che permettono la nascita di console sempre più potenti e di videogiochi sempre all’avanguardia.

La maggior parte dei videogiocatori gioca prevalentemente all’interno della propria camera da letto e dunque sarà molto importante per lui scegliere con attenzione come sistemare le varie componenti essenziali per la sua sessione da gaming. Quando si progetta una predisposizione per la propria scrivania, è necessario tenere in considerazione molti elementi, legati sia al comfort sia alle funzionalità. Ma bisogna anche considerare gli aspetti che possono avere un impatto sul modo in cui si interagisce con il posizionamento dello schermo, del mouse, della tastiera o del joystick.

Quali sono dunque gli elementi da tenere in considerazione quando si parla di una postazione da gaming ideale? In primo luogo, sembra essere quasi scontato, è possedere una buona piattaforma sulla quale giocare. I semplici notebook non sono abbastanza potenti, dunque sarà necessario possedere una delle migliori piattaforme su cui giocare, come PS5, Xbox Series X o i vari PC da gaming. Da tenere in considerazione per una buona postazione da gaming sono la salute, perché se non si ha una buona postazione, stare davanti allo schermo può essere dannoso, la comodità, poiché, molto spesso non accorgendosene, passiamo molto si passano diverse ore a giocare e quindi è importante stare comodi mentre si gioca e, infine, l’estetica, perchè anche l’occhio vuole la sua parte!

Passando ora alle componenti tecniche una buona postazione da gaming deve avere in primo luogo una scrivania abbastanza spaziosa, in modo tale da potersi muovere con molta semplicità. Data la presenza di molti elementi che presentano dei fili, è utile anche tenere a mente la sistemazione dei cavi, in modo che questi non creino disturbo sopra la scrivania.

Un secondo elemento è la sedia che deve essere ergonomica. Una buona sedia ergonomica deve avere la possibilità di poter regolare lo schienale, i braccioli e l’altezza della sedia stessa.

Un ulteriore elemento da tenere in considerazione è l’illuminazione si delle luci sia dello schermo. Guardare ininterrottamente uno schermo, come detto precedentemente, può affaticare la vista e il tipo di illuminazione dello spazio aiuta molto in questo senso. Sono preferibili infatti schermi non troppo lucidi, che danno notevole fastidio agli occhi e un’illuminazione a LED.

La combinazione degli elementi sopra riportati non deve in alcun modo essere necessariamente complicata e soprattutto troppo costosa, ma deve essere giusta in relazione alle proprie preferenze e necessità.






Questo è un articolo pubblicato il 02-03-2021 alle 10:56 sul giornale del 02 marzo 2021 - 19 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bQCk





logoEV
logoEV