Università degli studi di Perugia: finanziamento europeo per una ricercatrice

1' di lettura 05/03/2021 - Il linfoma di Hodgkin, spiega l'Ateneo, è uno dei tumori più frequenti nei giovani ma è molto difficile da studiare in quanto le sue cellule tumorali sono pochissime e disperse in mezzo a un numero molto più alto di cellule infiammatorie normali

La ricercatrice Luisa Tasselli ha ottenuto dall'Unione europea un finanziamento Marie Skłodowska-Curie Actions Individual Fellowship, per la realizzazione di un progetto di ricerca ideato insieme al prof. Enrico Tiacci e finalizzato a studiare i meccanismi genetici alla base del linfoma di Hodgkin, un tumore che colpisce in particolare la popolazione giovane. I due scienziati operano nella sezione di Ematologia (coordinata dal prof. Brunangelo Falini) del Dipartimento di Medicina e chirurgia dell'Università degli Studi di Perugia, diretto dal prof. Vincenzo Nicola Talesa.

"Recentemente, però, spiega il Prof. Tiacci, mediante una minuziosa microdissezione al laser siamo riusciti a isolare queste rare cellule tumorali dai tessuti dei pazienti e ne abbiamo poi sequenziato tutti i geni. Abbiamo così scoperto nuove mutazioni geniche in una larga percentuale di casi, le quali potrebbero perciò essere importanti cause nello sviluppo della malattia"






Questo è un articolo pubblicato il 05-03-2021 alle 16:06 sul giornale del 06 marzo 2021 - 115 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, articolo, Danilo Bazzucchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bRej





logoEV