Presentazione di " Il mese di marzo e le donne": le iniziative in programma

4' di lettura 06/03/2021 - In video conferenza il sindaco Gabriele Santarelli, Vincenza Di Maio, assessore ai Servizi alla Persona e Pari Opportunità, le altre colleghe di Giunta, Barbara Pagnoncelli e Ilaria Venanzoni, la presidente della Commissione Pari Opportunità, Sara Ninno la presidente dell’Associazione Artemisia, e l’artista Emmanuela Esposito, hanno fatto conoscere gli appuntamenti previsti per questa ricorrenza.

8 marzo ore 10.00: inaugurazione della mostra Anime di cemento Armato, Eccellenze fabrianesi in mostra nel Museo della Carta e della Filigrana, simbolo del saper fare di Fabriano; ore 18.00: inaugurazione Spettacolo teatrale di Mauro Allegrini “Gelosia Antica” in collaborazione con la Commissione Pari Opportunità e l’Ambito Territoriale Sociale n. 10. Tutti gli eventi saranno online e trasmessi nella pagina facebook del Comune “Fabriano Eventi” e nelle pagine facebook “Finestra sull’arte cittadina” e “Commissione Pari Opportunità Fabriano”

“Un progetto di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulle tematiche concernenti la donna, iniziato da diverse settimane – ha commentato Il sindaco Gabriele Santarelli - che coinvolge molti attori della società cittadina impegnatisi nel dare stimoli e riflessioni importanti, una iniziativa ben impostata su solide basi e per questo con molti sviluppi futuri”. Artefice di questa proposta, l’assessore ai Servizi alla Persona e Pari Opportunità, Vincenza Di Maio, che ha illustrato le linee generali di un evento che, causa pandemia si svolgerà soltanto online “Nonostante tutto – ha commentato – siamo riusciti a lavorare unendo tanti soggetti con competenza diverse e che contraddistinguono il nostro mondo: da quello sociale a quello culturale fino a quello lavorativo. In questo periodo, le donne stanno subendo la maggiore sofferenza in particolare quelle che dopo il lavoro continuano a svolgerlo in casa, come le tante altre che lavorano in smart working e nello stesso tempo gestiscono figli e famiglia. In tale contesto, grazie anche alla collaborazione degli altri assessorati si è costruita la ricorrenza mettendo in campo iniziative su diverse aree tematiche”.

Dal suo canto l’assessore Barbara Pagnoncelli ha detto “Il sostegno dato muove dal contributo remoto del Remake festival, obiettivo la creazione di reti sul territorio che arricchiscono la città, un modo di mettersi in gioco per creare opportunità di lavoro” mentre l’altra collega di Giunta, Ilaria Venanzoni, ha aggiunto “E’ un progetto al quale s’è dato un piccolo contributo, coinvolgendo la parte culturale, individuando il Museo della Carta e Filigrana come spazio per la mostra Anime di Cemento Armato, che vogliamo di tenere aperta per un periodo più possibile rendendola fruibile al maggior numero di persone possibile considerato che rappresenta un giusto approccio alla diversità del mondo femminile che va dalla ginnastica, all’artigianato artistico e si estende a tanti altri settori”.

Proprio una delle dieci artiste partecipanti e protagoniste della Mostra “Anime di Cemento Armato”, Emmanuela Esposito ha spiegato “la nella esposizione al Museo della Carta e Filigrana, composta nella maggior parte da opere di grandi dimensioni, viene raccontato un mondo di donne forti e indipendenti, da chi lavora in fabbrica alla sarta, dalla donna delle pulizie alla segretaria, in pratica una panoramica ampia del mondo della donna”. Antonio Agostini, del Centro per l’Impiego, realtà con la quale la Di Maio s’è interfacciata ha aggiunto “una idea di questo genere è magicamente coerente con la situazione odierna, la povertà sta aumentando così come le difficoltà lavorative con le donne che in tale contesto sopportano maggiori penalizzazioni, quindi qualunque iniziativa che ne valorizza le competenze umane e professionali vanno sostenute e seguite con attenzione”.

Infine, Tecla Chiucchi, presidente di Artemisia, Associazione che gestisce lo Sportello Antiviolenza e Sara Ninno, presidente della Commissione Pari Opportunità, nel loro intervento hanno ribadito come la pandemia ha inciso notevolmente sulla sospensione della singole attività che si volevano mettere in campo nel corso di questo ultimo periodo, ma ora a muovere da “Marzo le Donne” alcune proposte come ad esempio la rassegna di Film tematica, il servizio telefonico di assistenza, il sostegno alla risoluzione dell’Ottica Palma e al Social Market, il programma di informazione sessuale nelle scuole superiori della prima classi sono in procinto di ripartire, testimonianza della volontà che ha come traguardo quello di non lasciare sola nessuna donna.








Questo è un articolo pubblicato il 06-03-2021 alle 11:56 sul giornale del 08 marzo 2021 - 159 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, fabriano, articolo





logoEV