Al via dal 25 marzo, informa il MIBACT, le celebrazioni per i 700 anni della morte di Dante Alighieri (1321-2021)

2' di lettura 07/03/2021 - Il 2021 è l’anno in cui ricorre il settecentenario della morte del Sommo Poeta, Dante Alighieri (che, esattamente, scompariva a Ravenna, ancora in esilio, la notte fra il 13 e il 14 settembre 1321). Nonostante il periodo incerto, il Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Dario Franceschini, è intervenuto per presentare le principali iniziative che inizieranno, in tutta italia, dal prossimo 25 marzo, data scelta per le celebrazioni del "Dantedì".

Ci sarà una lettura dalla Divina Commedia di Roberto Benigni al Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica. Sarà trasmesso in diretta Rai”, ha detto Franceschini. “È un anno particolare. Speravamo di essere usciti dalla pandemia, invece la stiamo ancora attraversando. Anche su questo Dante ci aiuta. A sentirci una comunità nazionale con una forte identità, a sentirci uniti. Inoltre, ci insegna ad aver fiducia. Teniamo a mente l’ultimo verso dell’Inferno… che ci sia da monito e da speranza: ‘uscimmo a riveder le stelle’. Credo che tutti siamo in attesa di poter ‘riveder le stelle’, ascoltare musica, tornare nei teatri e nei cinema, non appena sarà possibile farlo insieme”.

Sono molte (circa 500) - informa la testata, specializzata in arte e beni culturali, "Art Tribune" - le domande per ottenere contributo e patrocinio dello Stato e degli enti locali, giunte dall’Italia e dal mondo intero. “Un fatto squisitamente letterario, elemento centrale del patrimonio della civiltà nazionale e universale”, ha sottolineato il Presidente del Comitato per le Celebrazioni Dantesche, Carlo Ossola, che ha presieduto la conferenza stampa col Ministro Franceschini e insieme alla Segretaria Generale del Comitato, Maria Ida Gaeta, il Presidente delle Scuderie del Quirinale, Mario De Simoni, il Sindaco di Firenze, Dario Nardella, il Sindaco di Ravenna, Michele de Pasquale, il Sindaco di Verona, Federico Sboarina, e Silvia Calandrelli, Direttrice di Rai Cultura. La Calandrelli ha inoltre presentato la programmazione della televisione di Stato in occasione dell’anno dantesco, che si estenderà a tutte le reti Rai con focus sulla poetica di Dante e con un’attenzione particolare per gli studenti. A quest’ultimi sono dedicate le 100 piccole videolezioni e altrettanti film sull’argomento. Infine, su Rai Cinema, ci sarà un film dedicato al Poeta, firmato da Pupi Avati.






Questo è un articolo pubblicato il 07-03-2021 alle 21:47 sul giornale del 09 marzo 2021 - 160 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo, Fabrizio Federici





logoEV