Genga: andato in scena il premio "Dalla Venere alle Veneri 2021"

3' di lettura 18/10/2021 - Ventidue opere selezionate, in mostra al Museo di Genga - Arte Storia e Territorio. Il vernissage domenica 18 il finissage domenica 17 ottobre.

Il Premio, ispirato alla statuetta della Venere di Frasassi, è giunto alla sua quarta edizione ed ha richiamato artisti da tutto il territorio e dall’estero, in particolare tre artisti dal Kenya, uno dei quali si è imposto: Peter Kenyaya, con l’opera Mending the Wheil ed ha ricevuto un premio in denaro di 1.000 euro, mentre per la Giuria Popolare, i 400 euro in denaro sono andati a Elena Buran, con l’opera “Madre Terra”. Annalisa Mercuri, Chiara Valentini, Alberto Cespi, Laura Martellini, Chiara Valentini, Alberto Cespi sono invece gli autori che hanno ricevuto i maggiori consensi in termini di voti ricevuti dai visitatori. La cerimonia, come detto, che ha decretato l’esito finale di questa rassegna con Musa ispiratrice la Venere di Frasassi, la statuetta risalente al periodo del Paleolitico superiore, ritrovata proprio nel territorio della Gola e conservata nel Museo Archeologico delle Marche, ma una copia perfetta è esposta al Museo di Genga - Arte Storia e Territorio, dove domenica 17 s’è tenuto l’epilogo del Premio “Dalla Venere alle Veneri 2021” con il prof. Giuseppe Capriotti, che ha presentato il video “signis out of time” dell’archeologa lituana Marija Gimbutas concernete la tradizione storiografica che le riguarda, le Veneri interpretate come idoli o amuleti collegati al culto della fertilità, fabbricati per favorire o proteggere la riproduzione femminile ed utilizzati in occasione di cerimonie e rituali magico-religiosi.

Proprio i temi del concorso, legati agli aspetti simbolici della riflessione sulla figura della Venere, intorno a parole chiave come: madre, vita, donna, dea. «Il nostro territorio rappresenta il perfetto connubio tra arte, storia e paesaggio – ha affermato il Sindaco di Genga, Marco Filipponi - e a rafforzare la tesi secondo cui Frasassi è un luogo magico dove la forza espressiva della Natura incontra la potenza generatrice della vita è il ritrovamento, proprio in questi luoghi, della statuetta della Venere. Dunque, nonostante le difficoltà del momento, siamo davvero orgogliosi di aver potuto proporre ancora una volta questo Premio che vuole essere un omaggio alla vita, in tutte le sue declinazioni, attraverso le opere d’arte che la giuria di qualità ha selezionato».

«Come amministrazione comunale, siamo stati lieti di poter comunicare la riapertura del premio di Arte Contemporanea 2021 "Dalla Venere alle Veneri” – ha commentato il Vicesindaco e Assessore al Turismo e alla Cultura, David Bruffa - La pandemia che ci ha coinvolto ha purtroppo determinato per molto tempo la chiusura di tutti i musei italiani e la sospensione di questa nobile iniziativa. I miei più sentiti ringraziamenti sono quindi rivolti all'impegno costante e al lavoro certosino dell'associazione La Genga, promotrice dell'evento e alla collaborazione del Consorzio Frasassi. Il numero e l'elevato valore delle opere in concorso, testimoniano un rinnovato interesse rivolto all'arte contemporanea, nonché un ulteriore elemento di valorizzazione del museo Arte Storia Territorio di Genga, un altro piccolo gioiello che contribuisce ad arricchire l'offerta culturale e turistica presente nel nostro territorio».








Questo è un articolo pubblicato il 18-10-2021 alle 09:17 sul giornale del 19 ottobre 2021 - 262 letture

In questo articolo si parla di cultura, redazione, fabriano, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/coVS





logoEV