La città, grazie ad una artista come Gloria Cascelli, amplia il palmares delle eccellenze che può vantare in ambito nazionale

3' di lettura 30/11/2021 - Gloria Cascelli, insegnante di canto, trentuno anni, da quattro vive a Fabriano, città che considera oramai acquisita e alla quale ha già portato un altro punto di merito: l'assegnazione di uno dei premi Vocologia artistica per la didattica dedicati alle miglior tesi del corso per l'anno accademico 2019/20, assegnati dal dott. Franco Fussi.

Divertente quanto singolare e avvincente l’incontro, con questa giovane protagonista, capace e determinata nella sua azione culturale di sicuro valore.

“Sono una cantante e insegnante di canto, ho 31 anni e vivo a Fabriano da 4 anni, ormai diventata la mia casa, dove svolgo l’attività come Vocal Trainer sia in sede privata e, da quest'anno, come preparatrice vocale del coro dei Giovani Fabrianesi e dell'Unitre”.

Biglietto da visita che da subito un quadro ben preciso di chi e con chi stiamo parlando ma la presentazione prende corpo e riempie una pagina.

“Sono Diplomata in Conservatorio in canto lirico e ho grande passione oltre che per il canto in genere anche per la didattica vocale. Questo mio desiderio di ricerca e formazione per l'insegnamento, mi ha portato a frequentare molteplici corsi dedicati alla didattica in tutta Italia, esplorando a 360 gradi il mondo della voce. Nell'anno accademico 2019/20 ho frequentato il Corso di Alta formazione in Vocologia Artistica, diretto da Franco Fussi, medico foniatra di fama internazionale, presso l'università di Bologna nella sede di Ravenna, prendendo così la specializzazione di Vocologa Artistica, ovvero una professionista esperta di vocalità artistica sotto molteplici punti di vista: fisiologico/funzionale, metodologico e stilistico”.

Chiaro e ben delineato, sin qui, il pregiato mosaico delineato dalla Cascelli, che sottolinea: “Nei mesi del corso ho potuto elaborare un progetto di ricerca vocale dedicato agli allievi di canto lirico nei Conservatori prendendo spunto dalle ricerche di un neuroscienziato e musicista americano, Charles Limb, che ha indagato sulla correlazione che c'e fra l'improvvisazione spontanea e l'attivazione dei processi creativi nel cervello, notando, attraverso esami in FMRI, quanto, improvvisando, sia musicisti che cantanti fossero più propensi a mettere in atto dei processi mentali che solitamente entrano in funzione quando formuliamo un pensiero creativo”.

Da qui il suo progetto: "Le voci di 'testa' del cantante lirico" che può essere tradotto in “come stimolare la creatività vocale nell'allievo di canto lirico attraverso le neuroscienze cognitive, proponendo un laboratorio didattico sperimentale che collega didattica del canto, neuroscienze e creatività vocale, che dal 2022, insieme con la mia collega Federica Agostinelli, porteremo nei Conservatori Italiani”.

Progetto, che le è valso l'assegnazione di uno dei premi Vocologia artistica per la didattica dedicati alle miglior tesi del corso per l'anno accademico 2019/20, assegnati da Franco Fussi. La premiazione è avvenuta sabato scorso, 20 novembre 2021, presso il teatro Alighieri di Ravenna nell'ambito del 13° Convegno internazionale di foniatria e logopedia "La voce artistica".

“Per me – conclude Cascelli - è stato un onore immenso riceverlo e poterlo riportare nella mia città acquisita che tanto mi sta dando e nella quale spero un giorno di poter aprire un'accademia vera e propria tutta dedicata alla voce”.








Questo è un articolo pubblicato il 30-11-2021 alle 19:04 sul giornale del 01 dicembre 2021 - 574 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, fabriano, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cxp9





logoEV
logoEV