Baldelli alla CNA di Fabriano: "È il momento di connettere ogni territorio regionale"

4' di lettura 28/01/2022 - Si è svolto giovedì a Fabriano un importante incontro tra la CNA e l'Assessore regionale alle Infrastrutture Francesco Baldelli, con la presenza del consigliere regionale Chiara Biondi, di diversi Sindaci dell'area montana e del presidente della Comunità Montana Esino-Frasassi Ugo Pesciarelli.

Tra i primi cittadini, sono intervenuti Gabriele Santarelli per Fabriano, Maurizio Greci per Sassoferrato, Marco Filipponi per Genga, Tommaso Borri per Serra San Quirico e Michela Bellomaria, vicesindaco di Cerreto D'Esi, mentre per l'associazione di categoria erano presenti, oltre al Segretario locale, Massimiliano Santini, Direttore CNA provinciale di Ancona e Maurizio Romagnoli, Presidente CNA di Fabriano.

L'incontro è stato fortemente voluto da Marco Silvi, Segretario CNA Fabriano e Area Montana, per fare il punto sulla situazione infrastrutturale dei territori interni e segue un precedente confronto avvenuto a settembre scorso, sempre alla presenza di Assessore e Sindaci, nella medesima sede.

A seguito dell'introduzione del Direttore Santini che nel suo intervento ha fatto una panoramica del principali nodi infrastrutturali del territorio montano, sottolineato come l'associazione di categoria sia onorata di ospitare l'Assessore regionale ed i Sindaci nella sede di Fabriano per questo importante confronto, ha preso poi la parola lo stesso Baldelli che, dopo aver ringraziato la CNA per l'impegno e la determinazione circa le modalità organizzative dell'evento, ha illustrato ai presenti una ricca panoramica delle politiche infrastrutturali su cui da tempo sta lavorando la Giunta Acquaroli, ponendo particolare accento sulla necessità di "fare squadra" con Sindaci e Associazioni di categoria verso un approccio organico e di interconnessione tra territori.

L'Assessore, sollecitato dai quesiti dei presenti circa il progetto dell'incompiuta intervalliva tra Fabriano e Sassoferrato, ha tenuto a ribadire come la Regione stia costantemente lavorando, anche con il Ministero, per promuovere non solo il collegamento della Città della Carta con Sassoferrato, bensì anche con Cagli e Fossombrone, nell'ottica di collegare finalmente il tratto Ancona-Perugia della Quadrilatero con la Fano-Grosseto.

"La nostra visione è profondamente differente rispetto alle politiche passate", ha proseguito l’assessore Baldelli, "abbiamo approvato un Masterplan stradale marchigiano che indica, tra le priorità, quella di dotare finalmente l'intero entroterra di infrastrutture che possano facilmente connettere ogni territorio regionale alle principali tratte nazionali, riducendo i tempi di percorrenza, limitando i consumi e aumentando la sicurezza. Il collegamento Fabriano-Sassoferrato, rientra nella nostra visione complessiva delle infrastrutture, una porzione della Pedemontana che, da Carpegna e San Marino sino a Teramo, si delinea come una vera e propria ‘autostrada’ dei territori interni. Solo così potremmo realmente favorire lo sviluppo di cui il nostro entroterra ha vitale bisogno".

Altro tema toccato nell'incontro è stato quello della ferrovia storica della Subappennina Italica, con il tratto riattivato ad ottobre scorso, che ha visto il transito di tre corse a scopo turistico tutte sold out, su cui sono previsti interventi per garantire la messa a regime del collegamento. L'assessore regionale ha annunciato che nelle prossime settimane partiranno i lavori di manutenzione della tratta e di automazione dei passaggi a livello, aggiungendo inoltre che in primavera uscirà anche il bando per la gestione dei pacchetti turistici legati al progetto della ferrovia storica pedemontana.

Anche su questo tema Baldelli ha rimarcato come la riattivazione del tratto ferroviario tra Fabriano, Sassoferrato e Pergola abbia già rappresentato un segnale positivo per un territorio abituato dalle politiche passate soltanto a chiusure. Oltre alle finalità turistiche, che sicuramente daranno slancio e rinnovato entusiasmo all'area montana tutta, l'obiettivo finale è quello di elaborare uno studio di fattibilità volto a completare la visione di un anello ferroviario che, già esistente nel centro sud della regione, possa connettere nelle nostre province più a nord, senza interruzioni, la stazione di Fabriano, Urbino e Fano.

Grande apprezzamento è stato espresso dai Sindaci presenti per la relazione di Baldelli, in particolare i primi cittadini hanno ringraziato l'assessore per la visione organica e interconnessa con la quale la Regione sta portando avanti progetti ambiziosi ma allo stesso tempo assolutamente necessari.

Così conclude Marco Silvi, Segretario CNA di Fabriano: "Voglio ringraziare sentitamente l'assessore Baldelli perché, accogliendo anche il nostro secondo invito al confronto, dimostra ancora una volta un reale attaccamento al territorio, una caratteristica imprescindibile per chi deve rappresentarci ai piani più alti. Ringrazio poi tutti i Sindaci presenti e il Presidente della Comunità montana per aver speso parole di grande apprezzamento circa il metodo che la CNA ha ideato nel convocare periodicamente questi confronti tra diversi livelli amministrativi e rappresentativi dell'Area Montana. La loro unità di intenti facilita le relazioni e i contributi che hanno saputo portare hanno particolarmente arricchito l'importante dibattito. La CNA risponde ancora una volta presente nell'affrontare ai più alti livelli i principali temi che riguardano le nostre aree interne e continuerà a lavorare e ad impegnarsi con lo stesso metodo, quello di fare squadra e confrontarsi costantemente con tutti gli attori per condividere progetti ed idee vincenti che possano portare ad un reale e urgente sviluppo di questo bellissimo territorio montano”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-01-2022 alle 16:04 sul giornale del 29 gennaio 2022 - 151 letture

In questo articolo si parla di attualità, artigianato, cna, cna ancona, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cH7h