“Musica Praecentio” XXX Edizione: Tra cielo e terra! ad Albacina

2' di lettura 28/04/2022 - Martedì 3 maggio 2022 alle ore 17,30 presso la Chiesa di S. Venanzo Vescovo, in Albacina (AN), in occasione delle celebrazioni annuali che coinvolgono anche l’Eremo di S. Maria dell’Acquarella, si terrà il quarto appuntamento della Rassegna “Musica Praecentio” – XXX Edizione.

La storia ha scolpito questo territorio secondo cui le persone e la natura sono ben accordati come in un’orchestra: un equilibrio virtuoso che affonda le radici nel paesaggio con il quale si percepisce un continuum. È curioso come, nell’area limitata all’ingresso del centro abitato di Albacina, si possano trovare due costruzioni fortemente legate alla Musica: da un lato la bella Chiesa di S. Venanzo Vescovo (che ospita il prezioso organo costruito nel 1774 dal veneziano Gaetano Callido) e, poco lontano, la casa natale di Giambattista Spontini, di professione ciabattino e padre del grande Gaspare Spontini: ulteriore testimonianza di quanto la Musica fosse molto sentita dalla cittadinanza di Albacina… In tale contesto il programma organistico accompagnerà nella riscoperta di preziose composizioni dal XII sec. fino ai nostri giorni, con particolare attenzione alla produzione dedicata alla Madonna (in apertura e chiusura del palinsesto solistico) e alla bellezza del Creato (da notare il brano intitolato “Heaven and Earth”, dell’inglese Francis Tregian): il tutto in alternanza con le letture tratte dalle “Poesie sacre e morali, e spirituali” del Card. P.M. Petrucci edite nel 1686 per i tipi di G.G. Hertz a Venezia.

“Il Restante delle Conbinazioni (sic)/ si lascia al Virtuoso Suonatore da Organo”: così chiosava Gaetano Callido nel suo “Metodo per Registrare l’Organo” del luglio 1774, dicitura che campeggia, in copia conforme, sopra il leggio del suo strumento custodito nella Chiesa di S. Venanzo. L’esecuzione di questo particolare programma musicale si protrarrà anche durante la Liturgia che inizierà alle 18,00: composizioni di Autori come Leopold e Wolfgang Amadeus Mozart sottolineeranno i momenti più importanti della celebrazione eucaristica che si concluderà con il brano “… d’Acque viventi Fonte…” offerto dal M° Mariella Martelli in prima esecuzione assoluta. L’Associazione “Rosasolis” di Jesi rinnova la sua proposta per un’esperienza che è un viaggio tra Musica, Bellezza e Parola di Dio, attingendo alla grande tradizione sacra, valorizzando competenze e nuovi contenuti da scoprire insieme grazie al sostegno di Don Pierleopoldo Paloni, del Sindaco di Fabriano (Dott. Gabriele Santarelli), dell’Assessore alla Cultura del Comune di Jesi (Dott. Luca Butini), del Museo Tattile Statale Omero di Ancona, del Consiglio regionale delle Marche, del MiC, della Ditta Mattoli di Jesi, della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, di Mons. Attilio Pastori e Don Claudio Procicchiani della Chiesa jesina di San Giovanni Battista e del plauso del Card. Gianfranco Ravasi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-04-2022 alle 12:45 sul giornale del 29 aprile 2022 - 116 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c4m5





logoEV
logoEV