...

Prime schiarite sul fronte Elica, ma tra le parti le distanze restano importanti: l’azienda avrebbe accettato di mantenere in Italia la produzione delle Tesla, riducendo il numero di produzioni d’alta gamma spostate all’estero, ma il numero di dipendenti che sarebbe tutelato dalle ultime schiarite della trattativa rimarebbe fermo attorno alle 150 persone, contro le 409 colpite dalla chiusura di Cerreto d’Esi.



...

“L’accordo trovato quest’oggi tra le parti sociali riguardo il futuro dei lavoratori ex Indelfab è una ottima notizia perché consente di avvalersi dello strumento previsto dall’art. 45 del decreto-legge n. 73 del 2021, che prevede una proroga di sei mesi della cassa integrazione per cessazione per le aziende che abbiano particolare rilevanza strategica sul territorio.


...

L'ammortizzatore sociale, in scadenza a novembre 2021, resterà in vigore fino a maggio 2022. E' il risultato dell'incontro svoltosi stamattina, da remoto, fra i rappresentanti dei ministeri del Lavoro e dello Sviluppo economico, delle Regioni Marche e Umbria, delle parti sociali e dei Curatori.



...

Da tempo si debbono registrare disservizi a causa della mancanza di personale: nelle corsie d’ospedale, nelle residenze protette per anziani, nei centri diurni per anziani e/o disabili. Il problema già presente prima della pandemia si è ingigantito con essa senza che l’A.V.2 abbia mai voluto prendere seri e risolutivi provvedimenti.



...

Il reinserimento nella vita sociale e lavorativa delle donne con pregresso carcinoma mammario è la finalità del progetto integrato sperimentale, approvato assieme a quelli per altre 3 province dalla Regione Marche.  Il progetto è finanziato dall’avviso pubblico Regione Marche: DGR 1046 del 27 luglio 2020 “POR Marche FSE 2014-2020 Asse 1 Priorità 8.iv – Azione 8.4 B e 8.4 C. con 150mila euro dei 750mila euro di risorse a disposizione.






...

Azienda affermata è alla ricerca di tecnici e consulenti da inserire nell’ambito commerciale, anche prima esperienza con buone capacità organizzative e di gestione, grande positività ed ambizione, ben motivati, abituati a lavorare per obiettivi in grado di rafforzare le relazioni con i clienti proponendo soluzioni sempre più efficienti ed innovative.



...

“La sospensione del Piano industriale rappresenta uno spiraglio di luce per il futuro di centinaia di famiglie e per l’intera area del fabrianese. L’obiettivo, ovviamente, deve rimanere il ritiro del medesimo e, in particolare, il blocco dei licenziamenti annunciati a marzo.


...

“Saluto con soddisfazione la sospensione del piano strategico da parte di Elica. Certamente, il fermo no a qualsiasi ipotesi di forte delocalizzazione e, di conseguenza, di un così grande numero di esuberi, portato avanti dalla Regione Marche, con il Presidente Francesco Acquaroli in testa, ha iniziato a dare i propri frutti”.



...

La "bellezza" di ritrovarsi, di condividere obiettivi e ribadire che l'unione fa la forza. Il direttivo in presenza (finalmente) della Categoria Benessere di Confartigianato è stato all'insegna di un ritrovato entusiasmo. Durante l'incontro, tenutosi a Senigallia, le imprese si sono confrontate sullo stato di salute attuale del comparto e hanno affrontato il tema della ripartenza del settore.



...

Istituire una Zona logistica semplificata rafforzata nelle Marche, per sostenere le aziende locali ed evitare chiusure. E' la proposta avanzata da Alessia Morani, deputata del Pd, che questa mattina ha tenuto una conferenza stampa a Cerreto d’Esi (AN) con i consiglieri regionali del Maurizio Mangialardi, Antonio Mastrovincenzo e Romano Carancini.


...

“Siamo ancora una volta qui, a fianco dei lavoratori dell’Elica e delle organizzazioni sindacali per chiedere il ritiro del Piano industriale presentato dall’azienda, che, con i suoi propositi di delocalizzazione delle linee produttive in Polonia, mette a rischio oltre 400 posti di lavoro.


...

“La posizione espressa dall’Elica, dopo l’incontro con la Giunta regionale, rappresenta un primo positivo passo avanti per favorire il dialogo tra le parti. Lo scopo della Regione, ribadito all’azienda nell’incontro bilaterale avvenuto, è di difendere il territorio, salvaguardano il lavoro nelle Marche.



...

“Seppur in ritardo, e forse mal volentieri, finalmente sembra che anche il presidente Acquaroli, uscendo dal suo solito torpore, abbia deciso di spendere qualche parola contro lo sciagurato piano industriale di Elica che, a tutt’oggi, prevede la delocalizzazione in Polonia degli impianti di Cerreto d’Esi e Mergo e il licenziamento di 409 lavoratrici e lavoratori.


...

Non c’è domani senza sostenibilità. La ripartenza economica sarà possibile solo le imprese considereranno la sostenibilità come fattore di sviluppo strategico per il futuro. E’ quanto si discuterà durante l’incontro webinar organizzato dal Gruppo Donne Impresa di Confartigianato Imprese Ancona – Pesaro e Urbino sul tema “Sostenibilità, elemento strategico per resistere e ripartire in epoca post COVID. Come valutare la sostenibilità della micro e piccola impresa”.


...

Anche lunedì mattina esponenti del gruppo assembleare del Partito Democratico hanno sfilato in corteo con i lavoratori dell’Elica per chiedere il ritiro del piano industriale annunciato dall’azienda. Presenti il capogruppo Maurizio Mangialardi e i consiglieri Antonio Mastrovincenzo, Manuela Bora e Romano Carancini.


...

“Abbiamo chiesto con forza all’azienda di ritirare il piano, come chiesto dalle sigle sindacali per avviare un confronto. Abbiamo registrato un’apertura a una discussione e a una profonda revisione del piano stesso, non c’è però la disponibilità a ritirarlo”. È l’esito dell’incontro con i vertici aziendali di Elica, riferito al termine dal presidente della Regione Francesco Acquaroli.




...

“Probabilmente né il presidente Acquaroli, né gli assessori Aguzzi e Carloni, hanno compreso la portata della crisi sociale ed economica che rischia di innescare la delocalizzazione in Polonia delle linee produttive di Cerreto d’Esi e Mergo annunciata dalla proprietà di Elica Spa e la conseguente perdita di oltre 400 posti di lavoro.




...

Fratelli d’Italia è vicina a tutti i lavoratori di Elica e alle loro famiglie in un momento così delicato per incomprensibili scelte di delocalizzazione riguardo una realtà produttiva fortemente radicata nel territorio fabrianese e con dati che non giustificano le decisioni di abbandonare.


...

“Lo sciopero di oggi, che oltre ai lavoratori dell’Elica ha visto partecipare le maestranze di tante aziende del territorio, manda un messaggio molto chiaro alla direzione: venga immediatamente ritirato l’infausto piano di delocalizzazione in Polonia che prevede il licenziamento di oltre 400 lavoratori e ci si sieda al tavolo con il sindacato per aprire un confronto vero su come mantenere in Italia la produzione e migliorare la competitività sul mercato nazionale e su quello estero.



...

Il consiglio regionale in programma martedì non si terrà. La conferenza dei capigruppo ha deciso di accogliere la proposta di rinvio avanzata dal gruppo assembleare del Partito Democratico al fine di permettere a tutti i consiglieri regionali e alla giunta di partecipare allo sciopero di tre ore delle aziende del “settore del bianco” indetto da Fiom, Fim e Uilm, che si svolgerà a Fabriano, dalle ore 9,30 alle ore 12,30, per chiedere il ritiro del Piano industriale 2021-2023 presentato da Elica Spa.